L'AMMINISTRAZIONE
   Il SINDACO
   LA GIUNTA
   IL CONSIGLIO COMUNALE
- -
   IL SEGRETARIO COMUNALE
 
 ATTI PUBBLICI
   DETERMINE DEL SINDACO
   DELIBERE DI GIUNTA
   DELIBERE DI CONSIGLIO
   DETERMINE DI SETTORE
 
 REGOLAMENTI
   STATUTO COMUNALE
   REGOLAMENTI
   ORDINANZE
   
 TEMI
   ATTIVITA' SOCIALI
   AVVISI
 
visitatori n.49341

Il gonfalone del comune

Lo stemma si compone: di tre scaglioni di rosso su fondo argento ripresi dell’ arma dei Settimo Calvello fondatori del paese sormontati da una torre che simboleggia
il casale e l’ex Statodi Fitalia nel cui territorio sorge il comune. I due mazzi di spighe richiamano all’eccellenza della produzione agricola del paese.

FESTE ED EVENTI

x

Il 19 marzo - Festa di san Giuseppi puvureddu in quanto per antica tradizione dedicata alla provvidenza per i poveri. In questo giorno viene allestita la caratteristica tavulata, ovvero una tavola imbandita con una gran varietà di cibi preparati dai fedeli. Piatto tipico è apasta ri san Giuseppi, una gustosa minestra condita con lenticchie, finocchietto di montagna e fave, cotta in una grande pentola e distribuita ai presenti. Per devozione si prepara anche il pane votivo che viene distribuito ai presenti ed a tutte le famiglie del paese.

Il 22 e 23 agosto - Festa di san Giuseppi riccu, in quanto in questa occasione si vuole ostentare la sfarzosità dei festeggiamenti con le manifestazioni civili. Fra i riti religiosi, il 23 agosto rilevante è la processione con il simulacro del Patriarca che tiene per mano Gesù Bambino.

In agosto - le manifestazioni dell’”ESTATE CAMPOFELICESE”.

Interessanti in particolare due appuntamenti:
- La sfilata di cavalli elegantemente bardati e, nel contesto, esibizione di gruppi folkloristici. Al termine segue la grigliata di salciccia che gratuitamente viene offerta a tutti i presenti.
- La Festa del Grano con manifestazioni legate alla cerealicoltura e degustazione gratuita di prodotti tipici locali.

1a domenica di settembre - Festa di santa Lucia con processione.

Il 13 dicembre – memoria di santa Lucia, si rinnova la tradizione di non mangiare i derivati del grano. Si mangia, invece, la cuccìa che per devozione viene preparata e distribuita ai presenti al termine della Santa Messa solenne dal comitato.